AUTOMOBILI parte 1

Parere: 

Il modo in cui gli Holliwoodiani affrontano l'argomento automobili nei film è riassumibile in una parola: esagerato.

Nella raffigurazione in alto trovate riassunto il cliché massimo sull'argomento: ossia che se un "buono" è alla guida sarà in grado di affrontare ogni peripezia, se sarà invece un "cattivo" potrà bastare anche un incidente contro una mosca per far esplodere l'auto.

Ma l'argomento non si conclude certamente qui.
Partiamo dalla partenza, un auto che parte produrrà il classico fischio delle gomme, anche se parte moderatamente; proseguiamo con la sterzata che sarà sempre esagerata rispetto alla realtà, sia per violenza, sia per angolo di sterzata.
Saltiamo all'argomento salti che sono errati sia per quanto riguarda la forza di gravità (l'auto che si lancia tende sempre a tenere il muso verso l'alto durante la parabola ascendente e ad abbassarlo quanto basta durante la parabola discendente), sia per quanto riguarda la resistenza dell'auto (potrebbero far si che perda almeno il parafango o che si sfondi la coppa dell'olio? Io l'ho sfondata con molto meno!).

Continua...

4 commenti:

  1. Aggiungo la mia: falso movimento ondeggiante dello sterzo su strada dritta. Questo particolare è presente in maggior parte nelle scene di guida della soap opera "beautiful". Ridge Forrester, vero precursore della finta guida, ogni volta che esce di casa imita un bambino in sala giochi che simula la guida di una macchina. Penso sia l'unico tizio che muova lo sterzo sulle lunghe highway di Los Angeles.

    RispondiElimina
  2. No, quello che mi domando io è: CHI CAZZO PAGA per tutti quei disgraziati che si ritrovano in mezzo a un inseguimento e sfasciano regolarmente la macchina cercando di evitare l'imbecille di turno che per seminare il cattivo s'infila in una strada a scorrimento veloce in CONTROSENSO !?
    Non è un CONTROSENSO che per salvare la tipa figa e perseguitata muoiano 100 sfigati che non c'entrano niente ?
    La risposta è
    si
    ha un suo senso XD

    RispondiElimina
  3. Però la domanda CHI CAZZO PAGA continua a non aver risposta!

    RispondiElimina