SCONTRI parte 2

Parere: 

  • La resistenza fisica del protagonista quasi infinita, che può sopportare ferite d'arma da fuoco cosi come scazzottate lunghe quanto ere geologiche e come unica conseguenza non avrà mai ossa rotte ma al massimo... il fiatone.
  • La resistenza fisica degli antagonisti (solitamente gli scagnozzi, non il boss), pressoché nulla, se vengono colpiti da un proiettile in una mano o da un pugno in faccia cadono a terra morti.
  • Un leggero colpo alla nuca induce svenimento, mai traumi seri, mentre una delle suddette scazzottate non fa mai perdere i sensi.
  • Sparare alla cieca da dietro una colonna gridando da sempre i suoi frutti distogliendo l'attenzione del nemico. 
  • Compiere evoluzioni aeree sparando non pregiudica minimamente la mira di chi le compie ma disorienta inspiegabilmente il nemico.
  • I vetri infranti non sono in nessun modo pericolosi, sia durante le esplosioni, sia quando si rompe (impossibile) un parabrezza con un pugno, sia quando si fa irruzione in un'abitazione (altro cliché).
  • Un calcio basta a sfondare una porta.
  • Fa sicuramente più fico combattere a mani nude pur avendo delle armi a disposizione, l'unico ad accorgersi di questa minchiata è il "cattivo", ma solo quando comincia a soccombere.
  • Il concetto di esplosione è leggermente distorto, tuffandosi si riesce a raggiungere la velocità dell'esplosione stessa, che ha una precisa linea di demarcazione, oltre la quale non ci si brucia neanche le sopracciglia.
  • Se l'auto è in corsa può bastare un proiettile a farla esplodere (super mega maxi cliché maximo) ma se è ferma è un ottimo riparo da qualsiasi oggetto o esplosione, cosi come un tavolo di legno.
  • Mentire durante una tortura per temporeggiare è sconsigliato, meglio provocare l'ira del torturatore.
  • I pantaloni sono indistruttibili, invece tutti gli altri indumenti si strappano e/o si bruciano facilmente.
  • Le incredibili attitudini. Mediamente il protagonista sa fare tutto quello che è necessario alla situazione: guidare, pilotare, sparare, fare sesso, reggere l'alcol, mostrarsi duro, romantico, tenero e simpatico.
  • La soglia massima di sopportazione è netta, infatti fino a un istante prima al fatidico "colpo di grazia", dopo un estenuante combattimento, lo stato psico-fisico è pressoché perfetto.
E cosi, certo di aver sicuramente dimenticato qualche punto, sarebbe impossibile ricordarli tutti, lascio a voi l'ardua sentenza...

4 commenti:

  1. Il protagonista ha sempre un bel fisico, tutti i capelli ed è abbronzato.

    Location degli scontri:
    - vecchia segheria abbandonata (dove le seghe circolari sono ancora inspiegabilmente funzionanti)
    - vecchia fabbrica abbandonata (dove le tubatura che si rompono contengono ancora inspiegabilmente gas ad alta pressione)
    - vecchio cantiere edile abbandonato (dove i ganci meccanici sono ancora inspiegabilmente funzionanti)

    Che ne dici?

    RispondiElimina
  2. Decisamente vero, anzi ci vorrebbe un post sull'argomento finali

    RispondiElimina
  3. A parte Pulp Fiction non ho mai visto un "buono" che abbia un'improvvisa voglia di cacare.
    Sono tutti stitici, portano il pannolone o semplicemente queste cose terrene non sono di loro appartenenza ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fatto è che per tutti i cliche elencati nel blog vale la regola "tranne in pulp fiction"direi...

      Elimina