DIMMI COME IMPUGNI E TI DIRO' CHI SEI - IL CATTIVO

Parere: 

Dopo aver ampiamente discusso del cliché dell'impugnatura dell'arma e su come queso riesca a far comprendere la bontà o la cattiveria del personaggio, e dopo aver ulteriormente analizzato la categoria de IL BUONO, passiamo adesso in rassegna la seconda categoria: IL CATTIVO.
La caratteristica principale de Il cattivo è l'impugnatura ad "una mano". Il cattivo deve dimostrare irriverenza, assenza di premura ed irresponsabilità. A Il cattivo non interessa se a causa del rinculo o della scarsa mira, uccide la persona sbagliata, o almeno questo si verifica nella maggior parte dei casi. Sì perché ci sono delle eccezioni che verranno analizzate di seguito.
Ora passiamo ad affrontare le varie sottocategorie de Il cattivo:
Subcategoria 1 - Lo psicopatico. Lo psicopatico tiene la pistola con molta leggerezza, di solito tende a sventolarla in faccia al buono di turno, impressionandolo con monologhi senza senso che partono dalle angherie subite in età adolescenziale fino a spiegargli il vero motivo per cui si trovano in quella situazione. Lo psicopatico fa partire colpi per sbaglio ogni qual volta viene sorpreso da rumori inaspettati quali squillo del telefono o apertura della porta. Finisce così sempre per sparare a vuoto ed essere immobilizzato da il buono esperto o da Batman.
Subcategoria 2 - Il gangsta'. Il gangsta', diverso da Il gangster, è afro-americano, impugna una pistola grande quanto il suo avambraccio che riesce sorprendentemente a nascondere ogni volta all'interno dei suoi pantaloni acrilici della nike. Il gangsta' tiene la pistola (o l'uzi) col braccio teso e prima di sparare snocciola una quantità indefinibile di parolacce, per dirla alla Forrest Gump: effe questo, effe quello. Il gangsta' perde tanto di quel tempo a dire parolacce che di solito viene sparato alle spalle da il buono esperto.
Subcategoria 3 - Il killer ricco. Il killer ricco ha sempre una pistola che si monta. Preferisce portarsi dietro una ventiquattrore in pelle piuttosto che comprarsi una fondina. I motivi di questa scelta sono due:
1) fa figo;
2) deve montare il silenziatore.
Il killer ricco prima di sparare, sempre con una mano, braccio teso, gambe divaricate e longitudinali rispetto alla pistola, si scusa con la vittima, dicendo che non è un fatto personale ma solo una questione di soldi. Il killer ricco viene poi ucciso da l'allegra nonnina che intanto rantolava in un angolo.
Subcategoria 4 - Il gangster. Il gangster è di provenienza italiana o irlandese. In realtà questo personaggio è l'unico di cui non si conosce l'impugnatura, perché non fa mai vedere la pistola. In alcune occasioni, tipo quella dell'assassinio di Carlito in Carlito's Way, si riesce a vedere un'impugnatura con braccio piegato a formare un angolo di 90°. Nelle uccisioni de Il gangster si vede solo la vittima cadere ed un macchia rossa sulla camicia bianca. Il gangster viene ucciso solo da altri gangster.

Nel caso dei cattivi non ci sono eccezioni, va sempre tutto secondo i piani, altrimenti la gente non li paga più 8 euro per andare al cinema.

4 commenti:

  1. Il cattivo imbecille: nell'ultima scena del film il cattivo idiota inizia a spiegare tutti i suoi piani per la conquista della regione/nazione/continente/mondo/sistema solare/via lattea/universo, lo fa perché è un borioso cretino che non ha neanche bisogno di cibarsi; si nutre col suo ego.
    Nel frattempo il buono riesce a slegarsi, farsi un caffè con la moka, una sveltina con la bonazza del film (sempre per gli 8€, senza bonazza che film d'azione è ?), mettere un'ipoteca sulla casa (perché c'è crisi anche per i buoni), farsi un paio di aperitivi con le olive dentro, vomitare perché le olive erano marce, poi, con mossa repentina uccide il cattivo stupido con un tagliaunghie.

    RispondiElimina
  2. Ehi Fat... Cosi ci rubi il lavoro! Eh Eh, grandissimo, come sempre! Sai cosa? Mi fa strano leggere i TUOI commenti sul NOSTRO blog. Sono abituato al contrario!

    RispondiElimina
  3. l'impugnatura con braccio ad angolo retto è un retaggio ereditato dal genere noir anni '30/'40 e poi giunto fino a noi attraverso le spy story inglesi degli anni '70. La sua versione più iconografica la si ha con revolver a canna corta e minipistole tipo Deringer e simili.

    RispondiElimina
  4. E qui chiamo in causa il mio collega Claudio per un parere...

    RispondiElimina